Lifestyle

La Piccola Farmacia Letteraria – recensione del libro di Elena Molini

We may earn money or products from the companies mentioned in this post.

Qualche tempo fa ho letto La Piccola Farmacia Letteraria di Elena Molini, edito Mondadori, ma solo ora ho deciso di fare la recensione. Purtroppo devo aspettare qualche tempo prima di riuscire a valutare un libro. Ho bisogno che la storia appena conclusa sia un ricordo prima di riuscire a raccontarvi la mia esperienza.

Ad ogni modo, eccomi qua. Sono pronta a raccontarvi di questa piccola chicca che mi ha accompagnato per qualche giorno. Piccolo spoiler: si legge d’un fiato, attenzione a chi vuole centellinarlo. È molto difficile.

La Piccola Farmacia Letteraria è come l’estate della maturità. Rocambolesca, allegra, sofferta, inaspettata. Vi ricordate quanto sognavate l’estate dopo la maturità, senza compiti, solo la libertà più pura? Ma prima di arrivarci dovevate affrontare i terribili scritti, l’orale, l’attesa dei voti?

Ecco così è la storia di Blu, la protagonista, che sa di avere un sogno ma per realizzarlo deve soffrire e lavorare. Lei vuole lavorare nel mondo dell’editoria, quell’affascinante universo di carta, parole, sogni e storie. Con la sua piccola libreria indipendente cerca di arrivare a fine mese, sempre con qualche intoppo, con troppe ansie. Vi ricordate tutti quei giorni passati a studiare per preparare il temutissimo esame? Vi ricordate che l’unica luce in fondo al tunnel era quell’estate dopo gli esami?

Con Blu ci sono le sue fidatissime tre coinquiline e amiche, ognuna con storie sentimentali travagliate. Saranno loro la chiave di volta che farà fare a Blu il giro di boa. Come? Un’intuizione, tanto lavoro di squadra e una montagna di amore per i libri.

Quando ho letto questo libro, ho incontrato tutte le emozioni della mia estate della maturità. L’insicurezza di non farcela, la stanchezza e la frustrazione di fronte a tutte le informazioni da memorizzare, la voglia di finire il prima possibile. Ma anche la liberazione dopo ogni scritto, il sollievo alla fine di un orale che stavo per sabotare. E, infine, la gioia di leggere il voto finale, realizzare che la libertà era finalmente mia e potevo godermi l’ultima estate prima della “vita adulta”.

La scrittura de La Piccola Farmacia Letteraria è generosa, lascia spazio alle emozioni, alle sensazioni. Non si perde in troppe descrizioni, ma ti accompagna in un viaggio rocambolesco con tanta ironia, sarcasmo, ma anche sincerità e delicatezza. Ogni parola da’ vita ai personaggi come se ognuno di loro fosse sempre stato tuo amico. E alla fine, ciò che emerge è la storia di un amore sconfinato per i libri, che trova la sua via nella vita di Blu per darle ciò che lei ha sempre desiderato. Essere amata dai libri.

Spero che questa lettura possa piacervi tanto quanto è piaciuta a me. Fatemi sapere nei commenti cosa ne pensate.

P.s. Un piccolo consiglio dell’ultimo minuto. Aggiungete alla lista delle letture di questo genere anche La vita inizia quando trovi il libro giusto, Una piccola libreria a Parigi, e Il bistrò dei libri e dei sogni.

There are no comments

Join the conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *